A poche ore dalla disputa del match, c’è molta incertezza sul fatto che Olimpia e Unics possano realmente scendere in campo per la disputa del recupero della gara di Eurolega. Il basket, purtroppo, c’entra poco
Vince Olimpia Milano1.40Vince Unics Kazan2.80

Olimpia Milano-Unics Kazan: la presentazione della partita

Sono ore febbrili per lo “stato maggiore” dell’Eurolega. L’avvio dell’azione militare della Russia in Ucraina, ha aperto scenari che, purtroppo, coinvolgono anche il mondo sportivo. In queste ore si stanno prendendo decisioni di fondamentale importanza anche nella massima competizione europea cestistica per club: come agire con le squadre russe? Come garantire il regolare svolgimento delle partite? Sono principalmente queste le domande a cui dare una risposta, peraltro in tempi brevissimi.

Anche perché “bussa alla porta” la partita tra Olimpia Milano e Unics Kazan, già rinviata lo scorso 11 gennaio a causa dei casi di positività al virus emerse nel roster russo. Il vero rebus da risolvere è: viste le limitazioni poste in essere, potranno i giocatori del Kazan arrivare a Milano e, poi, fare ritorno in patria? Immaginando che la gara possa avere regolare svolgimento, l’Olimpia scenderà in campo per cancellare l’ultimo disastroso quarto giocato al Pireo in casa dell’Olympiakos e ricominciare la striscia di vittorie, bruscamente interrotta in Grecia.

Dall’altra parte del campo, l’Unics è squadra che all’andata diede una sonora lezione alla squadra di coach Messina, imponendosi 97-71 grazie ad una infinita e precisa serie di tiri da tre punti. Ad oggi, l’Olimpia è terza con un record di 17 vinte e 8 perse, mentre l’Unics è ottava, quindi in quota play off, con 13 vinte e 12 perse. Sin qui, la squadra di coach Perasovic in trasferta ha un record di 5 vittorie e 6 sconfitte. Va detto che i successi sono arrivati sui campi di Kaunas, Tel Aviv, Belgrado e Atene (sponda Panathinaikos) ovvero tutte squadre che occupano la parte bassa della classifica. La vittoria esterna più rilevante è quella ottenuta nel “derby” col CSKA Mosca. Da tener d’occhio il croato Hezonja (14,2 punti e 6,1 rimbalzi di media) e i due Brown: Lorenzo (13,8 punti e 6,1 assist) e John (10,3 punti e 4,8 rimbalzi).

Author Image

Prossimo articolo

Loading...