Il Tour de France è arrivato alla sua conclusione. Oggi si corre la 21a e ultima tappa, la classica passerella fino a Parigi che premierà Egan Bernal. Il primo colombiano della storia a vincere la corsa gialla, succede al compagno Geraint Thomas e allunga il dominio dell’ex Team Sky (ora Ineos).

La tappa-passerella, che chiude l’edizione 2019 della Grande Boucle, è lunga 128 chilometri da Rambouillet a Parigi. Il percorso però riserva anche due GPM, all’inizio del tracciato. Il primo è al km 25 è la Cote de Saint-Remy-Les-Chevreuse (1,3 km al 6,1%) mentre il secondo è la Cote de Chateaufort, di 900 metri al 4,9% di media. Ce n’è poi un terzo, la Cote de l’Homme Mort che però non è omologata come GPM ma che è lunga quasi 2 km al 4,4% di media. Poi si entrerà a Parigi dove si percorrerà il circuito canonico per nove volte, con arrivo ovviamente sugli Champs Elysees. Per l’occasione, l’iconico arrivo con l’Arco di Trionfo alle spalle avverrà in notturna, con l’ultima recita che si concluderà verso le 21.

L’ultima traguardo sarà in volata e quindi tra i favoriti ci sono tutti i velocisti rimasti in gara. Caleb Ewan, Dylan Groenewegen e Elia Viviani sono sulla carta i tre corridori da battere, in un’occasione che raramente (l’ultima sorpresa fu Alexandre Vinokourov nel 2005) gli uomini jet si lasciano sfuggire. Tutti e tre partono alla pari, ma in una mini-classifica Caleb Ewan parte avanti. Il folletto di Sydney, dopo successi di Tolosa e Nimes, cerca una magica tripletta alla prima partecipazione. I due rivali però vogliono equilibrare i conti: Viviani, dopo la vittoria a Nancy, non è riuscito a ripetersi, Groenewegen invece è stato sotto le attese, ma sa come vincere sui Campi Elisi dove si impose due anni fa. Tra chi ha già alzato le braccia a Parigi spicca anche il nome di Alexander Kristoff (UAE Team Emirates), l’elemento sul quale il team arabo punta per riscattare una spedizione anonima su tutti i fronti. L’esperto norvegese guida la schiera degli outsider della quale fanno parte a pieno titolo anche Peter Sagan, chiamato a blindare la settima Maglia Verde della sua carriera e Matteo Trentin che ha trionfato a Gab e non teme il confronto con gli avversari più accreditati.

Consigli scommesse

Author Image

Prossimo articolo

Loading...