Prima semifinale della Uefa Nations League 2020-2021, con l’Italia pronta ad affrontare la Spagna a San Siro. Le due Nazionali si ritrovano a pochi mesi di distanza dai rigori che decisero il penultimo atto degli Europei 2020, con Luis Enrique che ha tutte le intenzioni di fermare la striscia record di imbattibilità azzurra.

Vince Italia2.25Pareggio3.10Vince Spagna3.50

Informazioni sulla sfida

Quando si gioca? Mercoledì 6 ottobre 2021

Ora del calcio d’inizio? 20:45

Dove si gioca? Stadio Giuseppe Meazza (Milano)

Canale TV: Rai Uno

Italia-Spagna: presentazione della partita e pronostico

L’Italia potrebbe riuscire nell’incredibile impresa di vincere due trofei internazionali in un anno. Merito anche del calendario stravolto dal Covid, ma soprattutto di Roberto Mancini, capace di guidare la squadra a un trionfo storico nei Campionati Europei, riportando in patria un titolo che mancava da più di cinquant’anni. Gli Azzurri, grazie a 37 partite consecutive senza sconfitte, sono diventati la Nazionale con la striscia di imbattibilità più lunga in assoluto, non perdendo una gara dal tardo 2018. Dopo le due straordinarie lotterie dei rigori che hanno concesso ai nostri connazionali di superare iberici e Inghilterra a Euro 2020, la Nazionale del Mancio ha pareggiato 1-1 con la Bulgaria e 0-0 con la Svizzera, prima di battere 5-0 la Lituania per il primo posto nel girone delle qualificazioni Mondiali. Pur con qualche problema in attacco, bisogna ricordare come l’Italia sia imbattuta a San Siro da 93 anni e 28 incontri complessivi, anche se nelle ultime cinque sono arrivati cinque pareggi, tra cui l’infausto 0-0 con la Svezia del 2017. Da segnalare inoltre che gli Azzurri hanno subito gol solo in una delle ultime dieci partite giocate in patria, a evidenziare quanto per la Spagna sarà tutt’altro che semplice imporsi al Meazza.

Le Furie Rosse di Luis Enrique sognano la vendetta, dopo il rigore di Jorginho che li ha estromessi dalla corsa europea. L’Italia è una delle rare squadre con cui gli iberici hanno un bilancio in parità, con un record di 11 vittorie, 16 pareggi e 11 sconfitte. Gli spagnoli, cresciuti alla distanza nella manifestazione continentale, sono anch’essi primi nel gruppo di appartenenza per approdare a Qatar 2022, ma rischiano di essere superati dalla Svezia, che ha due partite in più da giocare. D’altronde proprio gli scandinavi si sono imposti nello scontro diretto del 2 settembre, una caduta cui gli iberici hanno reagito battendo 4-0 la Georgia e 2-0 il Kosovo. Il sogno di Busquets e compagni è quello di vincere un torneo internazionale per la prima volta da Euro 2012 a oggi, ma per farlo devono fare un salto di qualità: dal 2018 a oggi la Spagna non ha mai battuto nessuna squadra della top ten stilata dalla Fifa, e contro l’italia ha trionfato solo una volta negli ultimi cinque scontri diretti. Il punto di forza degli ospiti è sicuramente l’attacco caratterizzato da un’assenza di una punta di ruolo, ma sempre altamente pericoloso, tant’è che solo due volte in 14 partite giocate nel 2021 la Spagna è rimasta a secco in zona gol.

Ecco il nostro pronostico per le scommesse di questa sfida. Abbiamo anche molte altre opzioni su cui puntare.

Italia segna il primo goal1.85Pareggio + Goal4.50Risultato esatto: 1-16.00

La partita nel dettaglio

Passando alle formazioni, Mancini schiera la sua squadra con il 4-3-3. In porta Gianluigi Donnarumma, con ancora negli occhi il rigore parato a Morata, in difesa i leoni Bonucci e Chiellini al centro con Di Lorenzo ed Emerson ai lati, ma attenzione a Calabria, il terzino milanista in stato di grazia chiamato in sostituzione di Toloi. A centrocampo confermati Jorginho e Barella, con Locatelli, anche lui in un ottimo momento, potrebbe partire favorito su Verratti. Là davanti Federico Chiesa e Lorenzo Insigne sugli esterni, mentre al centro la scelta non può che ricadere su Moise Kean, visti gli infortuni che hanno colpito Immobile e Belotti. Chance importantissima per il giovane juventino, praticamente l’unico cambio obbligato in una formazione che per dieci undicesimi dovrebbe ricalcare quella del 6 luglio.

Luis Enrique risponde anche lui con il 4-3-3, ma con qualche cambio in più rispetto a quella partita. Unai Simon, sempre preferito a De Gea, difenderà i pali, protetto dalla coppia difensiva Eric Garcia e Aymeric Laporte. Non c’è Jordi Alba, e così saranno i due giocatori del Chelsea, Azpilicueta e Marcos Alonso, ad agire da esterni bassi. Busquets in cabina di regia sarà coadiuvato da Koke e Rodri, in ballottaggio con l’altro giovanissimo Pedri, mentre in attacco, complice l’assenza forzata di Morata, si punterà sul cosiddetto falso nueve. Dovrebbe essere infatti il 21enne del Manchester City Ferran Torres a occupare il centro, pronto a scambiarsi con Mikel Oyarzabal e Pablo Sarabia.

Author Image

Prossimo articolo

Loading...