Quello tra Belgio e Danimarca è un vero e proprio spareggio per accedere alle Final Four di Nations League. I Diavoli Rossi, che giocano in casa e possono disporre di due risultati su tre, sono largamente favoriti. Ma i danesi, rimasti in corsa per il rotto della cuffia, studiano l’impresa.

Informazioni sulla sfida

Quando si gioca? Mercoledì 18 novembre 2020

Ora del calcio d’inizio? 20:45

Dove si gioca? Stadio Re Baldovino (Bruxelles)

Belgio-Danimarca: presentazione della partita e pronostico

Non solo Spagna-Germania, c’è un altro scontro da dentro o fuori nell’ultima giornata di Nations League. E’ quello tra Belgio e Danimarca, che si contendono il posto nel Gruppo 2 che vale l’accesso alle Final Four. I Diavoli Rossi sperano di non rivedere i fantasmi di un paio di anni fa, quando hanno fallito la qualificazione proprio all’ultima giornata in Svizzera venendo travolti 5-2. Una sconfitta che rappresenta una delle poche giornate storte negli ultimi 3 anni, in cui il Belgio ha scalato i vertici del calcio europeo e anche mondiale. Quello che manca ancora però è un sigillo tangibile per la nazionale allenata da Roberto Martinez e la Nations League può diventare una buona occasione per colmare questa lacuna. Il primo obiettivo, cioè la qualificazione tra le quattro che poi si giocheranno la vittoria finale tra poco meno di un anno, è lì a portata di mano.

Con la vittoria sull’Inghilterra, un 2-0 maturato già nel primo tempo grazie alle reti di Tielemans e Mertens, è stata fatta fuori una delle due antagoniste del raggruppamento in corsa per la qualificazione. Ce n’è ancora una ed è la Danimarca, che ha rischiato seriamente di autoeliminarsi nel derby con l’Islanda, già ultima e retrocessa in seconda divisione. Ci è voluto un rigore trasformato dal fantasista dell’Inter Christian Eriksen, il secondo della serata dopo quello del momentaneo vantaggio, al 92′ per ottenere 3 punti più sofferti del previsto e andare a Bruxelles per giocarsi il tutto per tutto. Per completare il miracolo i danesi dovranno necessariamente espugnare il Re Baldovino di Bruxelles e vendicare lo 0-2 dell’andata maturato a Copenhagen. Un’impresa dall’alto coefficiente di difficoltà insomma, ma la Danimarca è già riuscita a fare la voce grossa a Wembley e da quel momento non si pone più limiti. Belgio-Danimarca è anche la sfida tra Romelu Lukaku e Christian Eriksen, compagni di squadra all’Inter anche se con fortune abbastanza diverse. Il centravanti belga è uno dei punti fermi di Conte, che invece non vede particolarmente di buon occhio il fantasista danese, spesso confinato in panchina. Così la nazionale diventa la vera e propria vetrina per mettersi in mostra per l’ex Tottenham, che sa essere ancora decisivo quando è agli ordini del ct Kasper Hjulmand.

Ecco il nostro pronostico per le scommesse di questa sfida. Abbiamo anche molte altre opzioni su cui puntare.

La partita nel dettaglio

Squadra che vince non si tocca, sembra essere questo il motto di Martinez che non dovrebbe rinunciare a nessuno degli undici protagonisti della convincente vittoria sull’Inghilterra. Lukaku ormai può dirsi recuperato dal problema muscolare che aveva accusato in Champions League con lo Shakhtar Donetsk ed è pronto ad agire al centro dell’attacco, sostenuto da De Bryune e dall’amico Mertens, che si è finalmente sbloccato dopo un digiuno abbastanza lungo con la maglia del Napoli. Assente Eden, è Thorgan l’unico Hazard a disposizione e presidierà la corsia sinistra, mentre dalla parte opposta c’è Meunier, con Witsel e Tielemans a governare nel settore nevralgico. In difesa, davanti a Courtois, il terzetto è quello composto da Vertonghen, Denayer e Alderweireld.

Nella Danimarca appare difficile il recupero del portiere titolare Kasper Schmeichel, che è dovuto uscire dal campo durante la partita con l’Islanda per un brutto colpo subito alla testa dopo un violento scontro di gioco con Gudmunsson. Si scalda Roennow, che è pronto a prendere il suo posto. Difesa a quattro con Wass e l’udinese Stryger-Larsen terzini e il rossonero Kjaer a guidare il reparto arretrato con Vestergaard. Centrocampo a tre con Jensen e Delaney ai lati di uno tra Christensen e Hoebjerg, mentre alle spalle dell’unica punta Poulsen c’è il doppio trequartista, uno ovviamente è Eriksen e l’altro è Braithwaite, anche lui poco utilizzato nel Barcellona e desideroso di mettersi in mostra in una partita così delicata.

IL PRONOSTICO DI BOSNIA-ITALIA

Author Image

Prossimo articolo

Loading...